Bonus idrico 2021: cos’è e come ottenerlo

Risparmiare acqua anche nel bagno e in cucina: dal bonus idrico 2021 un aiuto concreto.

Categoria › Lettura: 4 minuti

Il bonus idrico 2021

Con la legge di bilancio 2021 il Governo, attraverso il Ministero della transizione ecologica, ha stanziato 20 milioni di euro che andranno a finanziare i progetti di risparmio idrico nei bagni degli italiani.

É il cosiddetto bonus idrico, che consiste in un incentivo fino a 1.000 euro per l’acquisto di rubinetti, miscelatori, colonne doccia e soffioni che sostituiscano i vecchi modelli, spesso obsoleti, con prodotti efficienti di nuova generazione.

Lo scopo è di guidare i cittadini verso un consumo di acqua più attento e consapevole, in linea con gli impegni delle principali nazioni per la protezione e la salvaguardia del nostro pianeta.

Nel momento in cui scriviamo, a inizio novembre 2021, il Ministero sta ultimando il decreto attuativo – che sarà pubblicato a breve – ma le linee guida principali sono già note: vediamole assieme.

Delo magazine - bonus idrico 2021 - abitazione
Delo magazine - bonus idrico 2021 - acqua corrente lavello

Requisiti per ottenere il bonus idrico

In Italia sono ancora molte le abitazioni in cui il bagno non beneficia da tempo di interventi di ammodernamento: potenzialmente quindi la platea di interessati al bonus idrico è ampia.

Vediamo insieme quali sono i requisiti fondamentali e per quali tipi di intervento è possibile richiedere il bonus idrico.

Innanzitutto, possono accedere agli incentivi statali tutti i maggiorenni residenti in Italia che siano proprietari (o titolari di altro diritto reale), affittuari, comodatari: saranno oggetto del bonus solo ed esclusivamente gli immobili già esistenti, rimangono quindi escluse le unità abitative in costruzione.

Il bonus idrico può essere richiesto per una sola unità abitativa, una sola volta. Secondo quanto riportato nella Legge di Bilancio, il bonus è applicabile ad interventi che interessino la:

  • sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto;
  • sostituzione di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua.

Il testo scende poi più nello specifico:

  • fornitura e posa di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri al minuto e relativi sistemi di scarico, compre le pere idrauliche e murarie collegate, lo smontaggio e la dismissione dei sistemi presenti;
  • fornitura e installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina – compresi i dispositivi per il controllo del flusso dell’acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto –  e di soffioni doccia e colonne doccia con portata uguale o inferiore a 9 litri al minuto. Sono comprese anche le eventuali opere murarie e idrauliche collegate, lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.
Delo magazine - bonus idrico 2021 - soffione e braccio doccia

Come richiedere il bonus idrico

Dunque vuoi rinnovare il bagno, cambiare il rubinetto in cucina – con un occhio all’ambiente e alla bolletta – lo Stato ti dà una mano a farlo: fin qui tutto bene.

Ci sono alcuni aspetti da tenere presenti per capire se, come e in che misura puoi avere accesso al bonus idrico.

Innanzitutto ci sono i requisiti per i prodotti, che abbiamo visto al paragrafo precedente. In secondo luogo, l’importo totale di 20 milioni di euro stanziato dalla finanziaria andrà fino ad esaurimento, ciò significa che, una volta terminati i fondi, non sarà più possibile accedere.

Sarà necessario presentare la domanda registrandosi – e identificandosi con SPID o CIE – su una piattaforma web che sarà messa a disposizione da Sogei: considerato il meccanismo di esaurimento fondi, probabilmente si andrà verso un “click-day”.

Il bonus idrico ha una scadenza, fissata per il 31 dicembre 2021: non temere però, sono incluse tutte le spese sostenute a partire dal 1 gennaio 2021.

Cosa sarà necessario presentare per la domanda? Senz’altro i dati anagrafici e l’IBAN sul quale si desidera ricevere l’incentivo, oltre a:

  • i dati catastali dell’immobile: ti ricordiamo che il bonus può essere applicato ad un solo immobile
  • l’ammontare delle spese sostenute, corredato dalle fatture d’acquisto
  • quantità dei beni acquistati e specifiche della posa
  • specifiche tecniche per ogni bene sostituito da apparecchi a limitazione del flusso d’acqua
  • portata massima d’acqua del prodotto acquistato, espressa in litri al minuto

Per avere sempre tutte le informazioni aggiornate sul Bonus, compresa la data dell’eventuale click-day, ti consigliamo di tenere d’occhio la pagina dedicata nel sito dell’Agenzia delle Entrate.

Delo magazine - bonus idrico 2021 - documenti
Delo magazine - bonus idrico 2021 - salvadanaio

Quali prodotti scegliere per il bonus idrico

Le aziende che si occupano di rubinetteria sono già da anni impegnate nel proporre sul mercato prodotti che vadano verso una visione più sostenibile della casa e dei consumi.

Nel catalogo Delò sono presenti diversi prodotti che uniscono la qualità tipica della rubinetteria Made in Italy alle migliori tecnologie: lo scopo è creare prodotti belli e duraturi, che ti consentano di usare la giusta quantità di acqua senza privarti di nessuna comodità.

Molti dei miscelatori della Serie Delò Dado o Delò Tonda possono rientrare nel bonus (il rivenditore della tua zona ti aiuterà a scegliere quelli più adatti a te) come numerose colonne doccia – ad esempio Delò Narciso, personalizzabile con una vasta gamma di soffioni – oppure doccette e saliscendi.

delo  magazine - bonus idrico-2021-miscelatore lavabo dado - cod. 3001810
Miscelatore lavabo Delò Dado
Delo magazine - bonus idrico 2021 - soffione doccia pitch 403020
Soffione doccia Delò Pitch rettangolare

Risparmiare acqua: un tema importante

Uno dei punti cardine che muovono l’opinione pubblica sulla salvaguardia dell’ambiente è proprio il risparmio idrico. Mentre nel mondo occidentale spesso, anche inconsciamente, sprechiamo questo prezioso bene, nelle aree più povere del mondo l’acqua continua ad essere un lusso.

Tendiamo a considerare l’acqua una risorsa infinita e scontata, quando dovremmo stare tutti più attenti a come la consumiamo e a quanta ne usiamo.

Se anche tu desideri iniziare la buona pratica del risparmio quotidiano di acqua, qui sul magazine Delò trovi un articolo dedicato che ti aiuterà con dei semplici ma efficaci consigli.

L’impegno dei governi, ma ancor più quello delle aziende e di ognuno di noi, è fondamentale per creare un sistema volto alla vera salvaguardia dell’ambiente.

La responsabilità deve essere un’azione concreta: per questo Delò, attraverso la casa madre Delfino, ha scelto di essere Corporate Golden Donor del FAI, Fondo Ambiente Italiano.

Vuoi saperne di più?

Scrivici, siamo a tua disposizione

    O rivolgiti ai nostri esperti per una consulenza personalizzata e gratuita

    Trova rivenditore